TRAVAGLINI TRABUCCO DUO

Stefano Travaglini_piano; Manuel Trabucco_sax

Travaglini_Trabucco

Manuel Trabucco e Stefano Travaglini dividono il palco insieme da diversi anni in molteplici formazioni, dal duo al quintetto. Quello che li accomuna è la ricerca di un linguaggio univoco attraverso l’improvvisazione. Propongono una serie di composizioni che appartengono a diverse culture, da quella del jazz al folklore.

STEFANO TRAVAGLINI

“Travaglini is a wondrously eclectic talent…”

Brian Morton, Jazz Journal (aprile 2018, UK)

Stefano Travaglini, svolge prevalentemente l’attività di pianista e compositore, consegue i diplomi di Oboe, Composizione e Direzione d’Orchestra presso i Conservatori di Campobasso e Pesaro. Ha svolto attività musicale dal piano solo all’orchestra in Italia, Ungheria, Austria, Svizzera, Germania, Olanda, Russia, Spagna, Emirati Arabi, Stati Uniti, Messico, Norvegia e Canada.

Nel 2013 ha pubblicato un disco per l’etichetta Terre Sommerse, dal titolo The Hungarian Songbook, con la partecipazione della cantante ungherese F. Halmos, un progetto dedicato alle improvvisazioni pianistiche basate sull’antica tradizione melodica ungherese. Il lavoro è stato presentato in una serie di concerti in Ungheria (Budapest, Hatvan), Italia (Roma, Trapani) e Stati Uniti (Los Angeles, San Diego), si avvale delle note di copertina scritte dallo storico musicale Attila Retkes, direttore inoltre della rivista Gramofon. 

Il duo ha partecipato alla fase finale del Concorso Internazionale di Musica crossover “TEREM” a San Pietroburgo (Russia) insieme ad altre 23 formazioni da tutto il mondo, inoltre sono stati ospiti di Kossuth Radio, la più importante emittente radiofonica culturale ungherese.

Nell’estate 2012 si è esibito in solo piano nello spettacolo Commedia di Giorgio B. Corsetti, in occasione dell’apertura del festival I Cantieri dell’Immaginario all’interno della zona rossa dell’Aquila.

Nel 2017 pubblica il disco in piano solo dal titolo Ellipse per l’etichetta Notami Jazz, registrato presso il Rainbow Studio (Oslo) e accolto in maniera incredibilmente positiva dalla critica internazionale specializzata.

“Italian pianist Stefano Travaglini’s Ellipse is a masterwork of improvised music.” M. Hooke, All about jazz 2018

Nel 2018 è stato finalista al Concorso Internazionale di Composizione per orchestra jazz “Scrivere in jazz” (Sassari) nella categoria di brani basati sulla tradizione popolare sarda. Nel 2019 pubblica il nuovo disco a due pianoforti (con la partecipazione di M. Coclite) The Long Line, edito dall’etichetta americana Odradek Records. Il disco contiene le note di copertina a cura del giornalista inglese B. Witherden (BBC Music Magazine, Jazz Journal, The Wire)

MANUEL TRABUCCO

Consegue la Laurea di I livello in Musica Jazz presso il Conservatorio “G. Frescobaldi” di Ferrara, nel 2009. Consegue la Laurea di II livello in Sassofono Jazz presso il Conservatorio “L. D’annunzio” di Pescara con la votazione di 110 e lode. Nel 2018 si laurea in Sassofono Classico conseguendo la laurea di II livello in Sassofono sotto la guida del Maestro Gabriele Semplicino presso il Conservatorio di musica A. Casella dell’Aquila. 

Ha partecipato ai seminari Umbria Jazz nel 2005, vincendo una borsa di studio per il Berklee College of Music di Boston; Nel 2009 è stato scelto per rappresentare l’Italia alla European Jazz School di Hessen (Germania). Nel 2012 ha anche partecipato al seminario Pescara Jazz Workshop vincendo una borsa di studio per il Columbia College di Chicago.

Nel 2013, con l’Ensemble Jazz del Conservatorio di Pescara, ha vinto il “Concorso Nazionale Conservatorio”; vincitore anche con il Mof 5et del concorso “We Insist” promosso dall’associazione Midj.

Si è esibito in numerosi jazz club e festival tra cui: Pescara Jazz, Umbria Jazz, Mondello Jazz Festival, Festival di Villa Celimontana, Sherwood Festival, Roma Jazz Festival, Musica sulle bocche (Santa Teresa di Gallura), NAMM Los Angeles, Berchidda Jazz, A-Trane (Berlino), Ex-Wide (Pisa), Alexanderplatz jazz club (Roma), Casa del Jazz (Roma), ecc.