MAX IONATA

MAX

Fra i maggiori sassofonisti italiani della scena jazz contemporanea Max Ionata ha conquistato in pochi anni l’approvazione di critica e pubblico riscuotendo sempre grandi successi in Italia e all’estero. All’attivo ha oltresettanta dischi e collaborazioni con musicisti italiani ed internazionali, risultando uno degli artisti italiani più apprezzati all’estero – in particolare in Giappone – dove gode di una notevole fama artistica.

Oltre a guidare diversi progetti a proprio nome collabora stabilmente con alcuni dei migliori musicisti della scena internazionale e ha suonato nei più importanti jazz club e jazz festivals del mondo con grandi musicisti come: Robin Eubanks, Reuben Rogers, Clarence Penn, Lenny White, Billy Hart, Alvin Queen, Joe Locke, Anne Ducros, Steve Grossman, Mike Stern, Bob Mintzer, Bob Franceschini, Hiram Bullock, Joel Frahm, Miles Griffith, Anthony Pinciotti, Jon Cowherd, John Benitez, Dino Piana, Roberto Gatto, Dado Moroni, Stefano Di Battista, Gegè Telesforo, Giovanni Tommaso, Flavio Boltro, Furio Di Castri, Fabrizio Bosso, Enrico Pierannunzi, Mario Biondi, Ornella Vanoni, Sergio Cammariere, Renzo Arbore e molti altri.

Fra i suoi progetti, dopo l’omaggio al grande Duke Ellington, lo vedremo presto ancora insieme a Dado Moroni con “Two for Stevie” progetto dedicato ad un’altra leggenda del mondo della musica: il mitico ed impareggiabile Stevie Wonder (che non a caso ha scritto la leggendaria “Sir Duke” proprio per Ellington!). Proprio dal jazz Dado e Max iniziano questo viaggio alla scoperta del “meraviglioso” Stevie interpretando in maniera originale e ricercata i suoi pezzi più importanti, amati universalmente. Prodotto da Jando Music, in collaborazione con Via Veneto Jazz, il disco ripercorre infatti le tappe artistiche di Stevie Wonder, dai grandi successi di Songs In The Key Of Life alle magie contenute in Hotter than July in un crescendo di sensazioni e intrecci tra il piano ed il contrabbasso di Moroni e il sax di Ionata che regalano all’ascolto emozioni nuove su ritmi mai dimenticati.

Tra i riconoscimenti internazionali di Ionata:
Il premio “Massimo Urbani” per la sezione fiati nell’anno 2000
Il primo premio al Concorso Nazionale di Jazz “Baronissi” nell’anno 2000
Il premio del pubblico al concorso internazionale “Tramplin Jazz D’Avignon” in Francia nell’anno 2002.
Il premio “JAZZIT AWARD” 2012 come miglior sassofonista tenore italiano 
Il premio “JAZZIT AWARD” 2013 come miglior sassofonista tenore italiano 
L’importante rivista giapponese “Jazzlife”, oltre ad avergli dedicato un importante spazio all’interno del numero speciale “Jazz horn 2010” con un’intervista, lo ha segnalato come “uno di quei sassofonisti che hanno aperto una nuova frontiera nel jazz”.

Si è esibito in Giappone, Cina, Olanda, Inghilterra, Francia, Polonia, Spagna, Portogallo, Serbia, Svizzera, Danimarca, Germania, Emirati Arabi, Kuwait, Perù, Stati Uniti d’America.